single.php

INIZIA DA QUI

Come rimuovere informazioni personali da internet e monitorare la web reputation

di  | 

Richiedere la rimozione di informazioni personali da Google è una conseguenza del diritto all’oblio. Eliminare il proprio nome da Google è una richiesta legittima che si invoca quando, le informazioni che una persona trova su internet, si ritengono obsolete, non più attinenti allo stato attuale e siano state del tutto “stravolte” dagli eventi.
Anche una sentenza di condanna, per intenderci, se in Cassazione prevede l’assoluzione ed è decorso il termine per cui la notizia è utile ai fini dell’informazione attuale il soggetto può invocare il famoso diritto all’oblio.

Come rimuovere informazioni personali da internet

Cosa dice il web su di me? Abbiamo già visto come fare per reperire le informazioni che ci riguardano e monitorarle attentamente senza lasciarci sfuggire nulla. Perché va comunque detto che le informazioni sul web, a differenza del cartaceo, persistono e sono reperibili ovunque e in qualsiasi momento. Pertanto la giurisprudenza ha sentito il bisogno di fare maggiore chiarezza sulle parti che vincolano il titolare del trattamento dei dati e l’interessato a maggior ragione di fronte alle ultime vicende di cronaca e con la consapevolezza che le nuove tecnologie forniscono innumerevoli possibilità, per il più delle volte, ignote ai molti.

Un interessato dovrebbe avere il diritto di ottenere la rettifica dei dati personali che la riguardano e il «diritto all’oblio» se la conservazione di tali dati violi il presente regolamento o il diritto dell’Unione o degli Stati membri cui è soggetto il titolare del trattamento. In particolare, l’interessato dovrebbe avere il diritto di chiedere che siano cancellati e non più sottoposti a trattamento i propri dati personali che non siano più necessari per le finalità per e quali sono stati raccolti o altrimenti trattati, quando abbia ritirato il proprio consenso o si sia opposto al trattamento dei dati personali […] (65)

Esiste un modo per cancellarsi definitivamente dal web?

Pertanto cercheremo di fare chiarezza da un punto di vista tecnologico, pratico per capire step-by-step cosa fare per cancellare le notizie da internet se il nostro nome nei risultati della SERP è associato a immagini, siti o informazioni che non sono attinenti alla realtà dei fatti. Tuttavia non si può bypassare la necessità –non formalità- che se la notizia è, invece, attinente al momento storico, a quel punto non si potrà fare molto nell’immediato, se non invocare e attendere Google e il Garante della Privacy.

Cosa fare se ci rendiamo conto che il nostro nome, la nostra persona è associata ad eventi vecchi, che non sono più attinenti alla realtà attuale:

  • contattare il proprietario del sito o del giornale chiedendo la rimozione o la deindicizzazione del contenuto con una diffida
  • fare una richiesta a Google, (se il titolare del sito, non dovesse darci riscontro) per rimuovere quei contenuti che- pur non essendo il titolare dei contenuti ha comunque una responsabilità poiché li ospita sulla sua SERP,
  • al Garante della Privacy o un avvocato se la richiesta di deindicizzazione per diritto all’oblio non è accolta da nessuno dei due.

Un contenuto che si ritiene inopportuno e non attinente per la nostra reputazione può subire due tipi di conseguenze:

  • la rimozione totale della pagina web
  • la deindicizzazione del contenuto in modo tale che, pur interrogando il motore di ricerca, le query non restituiscano nessun risultato nella SERP.

In questo caso il contenuto non sarebbe cancellato definitivamente dal sito ma “nascosto” agli utenti che non lo troverebbero più.

 


LEGGI ANCHE: Come costruire la tua Reputazione on line partendo dalle basi


 

Come fa Google a non individuare più quell’articolo, quel contenuto a cui ci si appella per il diritto all’oblio?
La tecnologie digitali permettono la deindicizzazione attraverso l’uso di “attributi link” dei ‘meta tag’ che danno istruzioni ai robots di Google invitando il crawler a rilevare il contenuto o come in questo caso, a evitarlo.

Anche sui social possiamo imparare a gestire la privacy e scoraggiare i motori di ricerca a indicizzare il profilo e le foto che potrebbero essere utilizzate o spiate da occhi indiscreti.

Tutte le foto che sono presenti su Facebook possono essere utilizzate, a maggior ragione se il profilo Facebook è aperto al pubblico. Inoltre con il codice “embed” possono essere incorporate in siti web o altrove.

Monitorare la web reputation su Facebook e Tripadvisor

È nostro interesse imparare a tutelare la nostra privacy e sapere almeno come migliorare l’indicizzazione del nostro profilo che vorremmo, magari, tener più nascosto per questioni di lavoro.

Nella sezione Impostazioni – Privacy su Facebook possiamo gestire la visibilità dei topic che pubblichiamo attraverso le sezioni: “Chi può vedere le mie cose? Chi può contattarmi? Chi può cercarmi?” evitando che il nostro profilo sia rintracciabile dai motori di ricerca e che chiunque possa contattarci.

Questa operazione di controllo della privacy e indicizzazione può essere eseguita anche su altri profili social ma nelle modalità stabilite dal set up degli account.

Il web si conferma una fonte inesauribile per reperire informazioni, anche su noi stessi.
Ma se volessimo reperire informazioni su un locale invece? Cercare online un luogo è una delle prime ricerche localizzate dei clienti. Eppure non è difficile trovare anche le recensioni on-line su Tripadvisor e Google inerenti a un’attività commerciale.
Anche le recensioni, seppure non trattino nello specifico i dati personali sensibili, fanno comunque parte della web reputation di un business per stimolare la fiducia dei clienti acquisiti e crearne dei nuovi. Occorre stimolare commenti positivi. Come fare? Lo vedremo prossimamente.

—-

fonte REGOLAMENTO (UE) 2016/679 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (regolamento generale sulla protezione dei dati)

Direttore responsabile del Settimanale online PugliaNext. Giornalista pubblicista, si occupa di web, graphic design e copywriting.