single.php

TRAINING

Come aumentare le vendite online, Ascolta il parere degli shopper

di  | 

Che piaccia o no, serve uno sforzo in più per aumentare le vendite online e le visite su un e-commerce, ma anche in un negozio fisico.

Questo “sforzo” si chiama presenza online. È necessario rinforzare e curare la vostra presenza online e coinvolgere i “possibili clienti” con delle piccole azioni per mantenere vivo l’interesse e coltivare i contatti con l’obiettivo di creare una fidelizzazione. Nulla è più importante del parere degli altri acquirenti online (shopper) e questo potrebbe essere sfruttato a favore dell’e-commerce.

AUMENTARE LE VENDITE ONLINE CON IL PARERE DEGLI SHOPPER

Anche per i piccoli negozi occorre integrare piccole strategie di marketing che sono necessarie per incrementare il traffico e le vendite. E se non riesci a vendere nulla, forse stai sbagliando la strategia e devi ripensare al tuo obiettivo.

 

INTEGRAZIONE SOCIAL NEL PROCESSO DI ACQUISTO

Parliamo di integrare le piattaforme social in un e-commerce o un sito vetrina. Le piattaforme più utilizzate, che convertono maggiormente il commercio elettronico, sono Facebook e Instagram. C’è anche Pinterest che si offre al coinvolgimento degli utenti finalizzato alla vendita, ma se è vero anche che i social non servono propriamente per vendere nel senso stretto del termine, ma Facebook, per la portata di utenti, resta il social che produce più interazione.

Tutte le piattaforme web dovrebbero integrare dei pulsanti social per linkare direttamente da Facebook al negozio online e viceversa. È un modo per espandere anche la ricerca organica del negozio.


LEGGI ANCHE: Aumentare le vendite in negozio usando i canali online. L’intervista a Giovanni Cappellotto


COME INCREMENTARE LE VENDITE ONLINE e creare fiducia

Una possibilità per aumentare le vendite online è quella di usare un “recommendation system”, un sistema di filtro di informazioni e suggerimenti che tentano di raccogliere informazioni utili come il rating (il voto) le recensioni che un altro acquirente avrebbe già dato su un prodotto per capire quali decisioni intervengono nel processo d’acquisto.

Secondo il rapporto Nielsen Global Trust in Advertising, il 70% dei consumatori si fida del parere di altri consumatori che hanno acquistato online. Risulterebbe utile rafforzare la fiducia degli shopper e aumentare la conversione del prodotto.

Ci sono diversi modi per utilizzare il “recommennder” per gli utenti e per gli “item id” (identificativo dell’oggetto) e ottenere referral. Vediamo alcune azioni utili da inserire:

 

  1. inserire il numero di venduto su un determinato prodotto (es. “X persone hanno già acquistato questo prodotto”)
  2. inserire la dicitura per un prodotto temporaneamente prenotato, (es.: “ora online ci sono X persone”, “questo prodotto è già nel carrello di un altro acquirente”),
  3. recensioni sul prodotto
  4. quanti lo hanno inserito nel carrello o nella lista dei desideri
  5. potrebbe esserti utile con questi prodotti (es.: “completa l’outfit con questi altri prodotti”)
  6. notifica se il prodotto è stato acquistato, se è di nuovo disponibile, se sta per essere esaurito

Queste azioni servirebbero per monitorare le azioni dei probabili acquirenti.

L’acquisto è solo la fase finale. Dall’inserimento dei prodotti nel carrello potrebbero intervenire diversi fattori che potrebbero far desistere all’acquisto fino all’abbandono del carrello in fase di check-out. Ciò che dovrebbe interessarci è che abbia trovato le informazioni utili alla sua ricerca. Magari acquisterà la prossima volta, quando avrà tempo o quando avrà disponibilità, ma nel frattempo avremo fornito un servizio efficiente e completo e potremo avviare una strategia di remarketing.

Giornalista e docente di visual e content marketing per le imprese e nei corsi professionali. Si occupa di comunicazione web, graphic design e copywriting.