single.php

MIGLIORA DA QUI

Sharing Economy di lusso: Una startup per noleggiare barche tra privati

di  | 

SamBoat, la piattaforma per noleggio barche tra privati sbarca in Italia. La startup francese mette in contatto i proprietari di barche e potenziali affittuari in modo facile e per chi pensava che lo yatching fosse solo per pochi eletti dovrà ricredersi. Dopo il noleggio delle auto di lusso ecco un altro degli effetti della sharing economy.

Il mercato italiano delle imbarcazioni, nonostante un periodo veramente difficile, sembra promettere bene. Nel 2016, il 27% degli italiani ha utilizzato un servizio di sharing e il numero cresce. Inoltre in base ad una recente indagine di UCINA – l’associazione di categoria che rappresenta l’industria nautica italiana – commissionata nei mesi scorsi all’Ispo (l’Istituto per gli studi di pubblica opinione) il 16% sarebbe disposto ad acquistare un’imbarcazione a condizione di poterne dividere le spese con altri comproprietari.

Sharing Economy di lusso: Una startup per noleggiare barche tra privati

Si stima che ogni anno le imbarcazioni vengano utilizzate una media di dieci giorni l’anno, restando però notevoli i costi tra manutenzione e ormeggio. Per questo la piattaforma di sharing di imbarcazioni

debutta nel mercato italiano dopo aver registrato in Francia una crescita media del 300% l’anno e 26 milioni di euro transitati in richieste di noleggio dal 2014 ad oggi.

Noleggiare imbarcazioni tra privati offre in media prezzi più bassi del 30% e una maggiore flessibilità nelle date rispetto al tradizionale charter operato da società. Con la certezza di un servizio di qualità. Ad oggi Samboat ha oltre 10.000 barche disponibili in tutta Europa e nei Caraibi per tutte le tasche. Basti pensare che a partire da 50 euro al giorno si possono noleggiare imbarcazioni come motoscafo o barche a vela, fino ai superyacht, dal noleggio con skipper al bare boat fino al bed&boat per i più romantici.L’Airbnb delle barche, si pone come intermediario di fiducia, garantendo controllo su ogni prenotazione, gestione del pagamento e deposito di cauzione. Il sistema è basato su una comunità affidabile che assicura ai proprietari e agli affittuari massima trasparenza. Il sito permette di poter commentare e recensire proprietari, gli affittuari e barche.

«Alla luce di tutti questi fattori penso che in poco tempo si assisterà ad uno slancio economico importante nel settore della nautica e nel turismo in generale. Con 46.000 km di costa da esplorare il bacino Mediterraneo possiede un forte potenziale per il turismo da diporto» ha spiegato Laurent Calando, co-fondatore di Samboat.

La clientela di SamBoat, col 90% dei feedback soddisfatti, ha scelto per lo più il Mediterraneo con Costa Azzurra (Cannes, Nizza e Monaco) in testa. Per quanto riguarda gli italiani invece in testa alle preferenze ci sono la Sardegna, il Golfo di Napoli, la Sicilia e l’arcipelago della Toscana. All’estero sono molto apprezzate Croazia, Francia e Spagna. 

 

«Per questo abbiamo deciso di debuttare nel mercato italiano – ha aggiunto Calando – grazie alle 600.000 barche, i 689 porti, i 7.600 chilometri di costa, le 800 isole, il mercato italiano rappresenta una vera opportunità per SamBoat. La domanda di noleggio è forte nel paese della Dolce vita e non conta solamente italiani, ogni anno infatti milioni di visitatori di tutto il mondo visitano il paese per scoprire ed ammirare i tesori che offre il Bel Paese» .

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale