single.php

PLAYER

SEO e piccole imprese, Un bravo SEO deve “mostrare risultati”, Intervista a Stefano Schirru

di  | 

Gli italiani sono smartphone dipendenti e fanno le ricerche on-line su Google da mobile, così diventiamo, secondo una ricerca di SEMrush, il Paese che fa più ricerche online da mobile.

SEO e piccole imprese, Un vantaggio sulla concorrenza

Detto in parole povere cerchiamo prodotti, servizi e informazioni, se dal nostro smartphone o da pc poco importa, quel che conta è arrivare primi. Essere tra i primi risultati della ricerca, soprattutto se parliamo di piccole e medie imprese che potrebbero sfruttare, ancor più delle grandi, i vantaggi della SEO.

Un bravo SEO deve “mostrare risultati”, Intervista a Stefano Schirru

in foto: Stefano Schirru, direttore di Wild Seo Magazine

In che modo la SEO può aiutare un’impresa, lo abbiamo chiesto a Stefano Schirru, Seo specialist e direttore di Wild Seo Magazine.


LEGGI ANCHE: Local Marketing, come farsi trovare dai clienti nelle vicinanze. Intervista a Luca Bove


Un bravo SEO deve “mostrare risultati”, Intervista a Stefano Schirru

Ottimizzare la presenza online per le imprese con la SEO. Quali vantaggi potrebbe offrire la SEO per superare la concorrenza?

«La Seo, oggi più che mai, gioca un ruolo fondamentale. Il traffico dai motori di ricerca è, sicuramente, il migliore in termini di conversioni. Tuttavia bisogna prendere atto che l’approccio alla Seo non è più quello  di 4 o 5 anni fa. Oggi la Seo deve essere integrata con una strategia di web marketing più ampia. Sempre più spesso i risultati migliori si ottengono integrando seo e advertising. Ma tornando alla tua domanda posso sicuramente dire che la seo offre dei grandi vantaggi, se ben sfruttata. In molti settori, infatti, la presenza online delle aziende, specialmente se parliamo delle piccole aziende locali, è ancora molto limitata. Considerando che il 90% delle persone si informa online, il nostro obiettivo deve essere quello di intercettare questo pubblico
offrendo una risposta alle proprie domande e “accompagnarlo” verso la conversione, ossia la vendita dei nostri pdorotti e servizi. Se arriviamo prima dei nostri diretti concorrenti nella mente del consumatore otteniamo un bel vantaggio competitivo!».

La local SEO può essere un aiuto per le imprese locali rispetto a quelle nazionali. Secondo le tua esperienza, come viene percepita la SEO dai piccoli imprenditori?

«Che dire… C’è ancora tanto da fare, da spiegare e da formare. Per prima cosa bisogna dire che non tutti i piccoli imprenditori hanno ancora compreso il potenziale del web e, spesso, c’è tanta
disinformazione. Molti hanno paura e non vogliono investire portando la loro attività online, perdendo delle opportunità incredibili. La Seo, per le attività locali, è molto importante e, cosa da sottolineare, spesso si può portare avanti con budget molto contenuti. Ovviamente non si può generalizzare ma, in molte occasioni, è davvero così. Per fortuna in questo ambito ci sono tantiprofessionisti davvero molto preparati e competenti che portano avanti, da anni, una cultura della Seo in ambito local di grande qualità. Penso, ad esempio, a Luca Bove uno dei massimi esperti di local search che seguo sempre con grande piacere e interesse».

Quali sono gli obiettivi di ottimizzazione che consiglieresti a una piccola attività commerciale?

«Sicuramente il primo consiglio che mi viene in mente è quello di approcciarsi alla SEO come ad una parte della strategia di web marketing. Oggi comunicazione, brand, Seo e advertising non possono più essere slegati uno dall’altro. E questo vale anche per le piccole attività. Insomma oggi più che mai bisogna curare ogni singolo aspetto della propria attività. Inoltre bisogna mettere in conto di investire del denaro. Se si vuole fare business seriamente è necessario mettere in conto un piccolo capitale da investire sul web marketing e, di conseguenza, anche sulla Seo.  Volendo dare qualche consiglio più pratico direi di focalizzarsi su alcuni aspetti:

  • individuare i bisogni del proprio pubblico;
  • studiare con attenzione il search intent;
  • realizzare dei contenuti che siano davvero unici e, soprattutto, utili;
  • far parlare di sé, ossia avviare una strategia in termini di Digital pr e Link building.

LEGGI ANCHE: Come rimuovere informazioni personali da internet e monitorare la web reputation


Come scegliere uno specialista SEO? Quali caratteristiche dovrebbe avere?

«Scegliere un professionista è sempre molto difficile. Il mio consiglio è di affidarsi a chi è in grado di mostrare risultati e non a chi è capace di vendersi. Io credo che un bravo professionista Seo debba essere in grado di comprendere le dinamiche delle aziende. Il nostro lavoro è quello di portare risultati alle imprese in termini di fatturato… Insomma la Seo deve portare guadagni all’imprenditore e non visite sul sito fini a se stesse. Inoltre un bravo professionista dovrebbe sempre essere sincero con il cliente. Io stesso mi sono trovato nella condizione di rifiutare delle commissioni perchè mi ero reso conto che il budget messo a disposizione era insufficiente o la metodologia di lavoro che mi veniva chiesto di portare avanti era inadeguata agli obiettivi da raggiungere. Ecco credo che questo sia uno dei valori più importanti per un bravo Seo!».

Direttore responsabile del Settimanale online PugliaNext. Giornalista pubblicista, si occupa di web, graphic design e copywriting.