single.php

PLAYER

Olio italiano. Sirena d’Oro 2016: premiata anche la Puglia

di  | 

Si è conclusa il 16 marzo a Roma la premiazione Sirena d’Oro 2016, il concorso nazionale promosso dalla città di Sorrento in collaborazione con Unaprol e FederDop Olio, per l’assegnazione dei premi come miglior olio italiano Igp e Dop.

 

Anche la Puglia tra i premiati dell’olio italiano

Puglia, Sicilia e Toscana sono le protagoniste premiate del concorso nazionale organizzato in cinque premi Sirena: d’oro, d’argento, di bronzo e due Gran Menzioni. Le aziende olivicole partecipanti hanno concorso per tre differenti categorie: fruttato intenso, medio e leggero. La Puglia e la Terra di Bari portano a casa due riconoscimenti importanti per la Dop Terra di Bari. Il vincitore Sirena d’Oro con la categoria “fruttato medio” è il Frantoio Galantino di Bisceglie per la zona di Castel del Monte. Il Premio Gran Menzione è aggiudicato all’azienda agricola De Carlo di Bitritto. La cerimonia di premiazione si svolgerà a Sorrento dall’8 aprile. Un importante riconoscimento per la Puglia per il lavoro svolto finora, guida per le PMI olivicole pugliesi.

 

Sirena d’Oro 2016: eccellenza del Made in Italy da tutelare

«Il Sirena d’Oro resta un faro, una luce forte accesa sulle eccellenze agricole italiane sempre più bistrattate da un’Europa che omologa e non premia le tradizioni tipiche – ha detto l’onorevole Paolo Russo, della XIII commissione Agricoltura della Camera dei deputati, nel suo intervento – L’olio Made in Italy, alimento principe della dieta mediterranea e di uno stile di vita sano e corretto continua ad essere ambasciatore di genuinità, di qualità e di territori dalla bellezza esclusiva ed inimitabile proprio come i nostri prodotti».

 

Leggi anche: Food Marketing: come scegliere le strategie di business online

 

Sirena d’Oro 2016: certificazioni garanzie di qualità e sicurezza alimentare

«Lo scenario di mercato dell’olio di oliva a denominazione di origine protetta nonostante rappresenti appena l’1% del fatturato totale di tutto il settore del food, continua a rappresentare grandi opportunità di crescita e di reddito per le imprese del settore – ha riferito il presidente di Unaprol, David Granieri – In Italia secondo un sondaggio realizzato da Federdop alla domanda perché si produce olio DOP, le aziende intervistate hanno risposto: per aumentare il valore del prodotto il 59%; il 22% per soddisfare una domanda più esigente da parte del consumatore e il 19% per rispondere in maniera più puntuale alle richieste dei grossisti e distributori».

«Coldiretti sostiene con particolare impegno il concorso Sirena D’Oro con l’intento di rafforzare, contro frodi, qualità sempre più scadenti in termini di sapore, nutrizionali, e squilibri ambientali, l’orientamento crescente delle abitudini di consumo verso oli certificati con forte legami con il territorio d’origine – dichiara il direttore di Coldiretti Napoli e Campania Salvatore Loffreda – Rafforzare, promuovere e tutelare, il valore del naturale rapporto esistente tra agricoltura e sviluppo sostenibile, i sapori, le tipicità, la genuinità dei prodotti, la sana e sicura alimentazione, il presidio del territorio, la tutela delle risorse naturali e ambientali, la tracciabilità e la etichettatura costituiscono una scelta strategica per Coldiretti».

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale