single.php

PLAYER

Mirko D’Isidoro: come diventare web designer freelance

di  | 

Mirko D’Isidoro è un web designer freelance, uno dei primi che si affaccia al mondo del web dal lontano ’99 e oggi è anche un consulente di web marketing e autore del blog FreelanceWebDesigner.it progetto in cui racconta le esperienze di altri freelance e consigli su come migliorare la professione del web designer.

Ritiene fondamentali per svolgere questa professione la formazione continua e di ritenere fondamentali per la sua crescita professionale autori come Robin Good, esperto di comunicazione, Enrico Madrigrano fondatore di Madri.com e Luca Catania esperto seo e di web marketing che ha anche seguito qualche anno fa.

Mirko dichiara di avere diversi progetti personali in vari settori creati dall’inizio della sua carriera a oggi e di averne altri in arrivo anche con delle collaborazioni con altri amici e colleghi.

 

Come diventare un web designer freelance

Chi è Mirko D’Isidoro. Qual è la sua formazione professionale?

Sono un consulente di web marketing e un web designer freelance. Ho scoperto la passione per il web design durante un corso di 6 mesi dedicato a questo settore nel lontano 1999.

Ho poi seguito un altro corso sempre sullo stesso settore, un paio di anni dopo, con l’obiettivo di lavorare come dipendente cercando di farmi assumere dall’azienda dove svolgevo uno stage gratuito.

La passione e la voglia di studiare, oltre al web design, anche la SEO e il web marketing mi ha permesso con il tempo di specializzarmi e ampliare le mie conoscenze.

Anzi, devo dire che attualmente svolgo meno lavori di web design, che di solito affido al mio staff di collaboratori, mentre focalizzo i miei sforzi e le mie risorse più sul posizionamento nei motori di ricerca e sul web marketing.
In questo settore, che è continuamente in evoluzione, se ci si ferma si perde il treno quindi la formazione deve essere continua e costante attraverso la partecipazione a eventi dal vivo, convegni, seminari, webinar e corsi online.
Proprio perché i cambiamenti sono continui e frequenti non ci sono dei libri che posso consigliare come fondamentali per questi settori.

 

Per chi vuole diventare un freelance o un imprenditore invece, consiglio libri sulla crescita personale e finanziaria: Kiyosaki, Cialdini, Robbins sono alcuni degli autori che suggerisco di leggere.

 

Divento imprenditore di me stesso

Ho scelto di diventare web designer all’inizio del mio percorso professionale perché era una vera passione, non mi pesava studiare per aggiornarmi o per migliorare le mie conoscenze.

Questo credo sia fondamentale per qualsiasi lavoro: la forza che mantiene vivo il desiderio di continuare a formarsi sta proprio nella passione, senza questa non si va molto lontano.
Dico la verità e voglio essere onesto su questo: come molti “freelance moderni” non è stata una scelta che è partita da me in modo spontaneo. È stato un percorso quasi obbligatorio per continuare a collaborare con l’azienda che mi aveva assunto all’inizio come dipendente e che poi ha scelto di continuare a lavorare con me solo aprendo una Partita IVA.

 


Leggi anche: Freelance: quello che devi sapere prima di aprire la Partita IVA


Solo dopo però, è cresciuta in me la voglia di staccarmi da quell’azienda e crescere come freelance imparando a diventare ed essere imprenditore di me stesso. Essere freelance ha molti lati positivi ma anche quelli negativi non sono pochi.
Bisogna essere bravi a non mollare mai, essere aperti a nuove esperienze e formarsi non solo per il proprio lavoro ma imparare anche a gestire la propria attività come:

  • la gestione delle finanze,
  • come trovare clienti nuovi,
  • preparare preventivi efficaci,
  • convincere il cliente a sceglierti e molto altro ancora.

 

Come si diventa web designer? Qual è la formazione da seguire?

A dire la verità non c’è un percorso specifico da seguire, almeno quando ho iniziato io. Anche oggi non esiste una laurea in web design.

Ci sono tanti corsi online, in italiano e in inglese che possono aiutarti a seguire un percorso ma bisogna essere bravi a scegliere la strada giusta, e continuare a formarsi anche attraverso i tanti tutorial che si possono trovare online.

 

Consiglio di iniziare a formarsi da soli all’inizio, per imparare ad esempio i principi dell’HTML e dei CSS e poi approfondire con corsi avanzati, sia gratuiti che a pagamento.

 

Realizza corsi? Chi frequenta i suoi corsi?

Sono stato per circa 7 anni docente di master e corsi post universitari per un’azienda di formazione professionale. Attualmente collaboro con web e seo agency dove offro il mio aiuto in corsi online a pagamento.

L’età degli allievi, nei Master non superava i 28 anni. Ora come consulente e formatore l’età è molto variabile perché la formazione interessa persone che vogliono aumentare le proprie competenze oppure perché hanno deciso di cambiare lavoro e rinnovare le proprie esperienze anche in età adulta.

I corsi o i libri dedicati a come diventare freelance facendo il web designer, lo sviluppatore o il grafico sono pochi e da qui è nata l’idea di creare un progetto chiamato FreelanceWebDesigner.it.

Per questo progetto ho realizzato finora un Toolkit per trovare clienti per web designer freelance e un corso per guadagnare con WordPress. Continuerò a realizzare altri corsi e webinar online nel momento in cui scopro delle esigenze reali e specifiche della mia Tribù.

 

Quali sono gli errori che si dovrebbero evitare?

Come freelance l’errore più grande è partire senza avere una strategia ben precisa per trovare clienti in modo costante.
Per passare da dipendenti a liberi professionisti, è preferibile non mollare subito il lavoro attuale ma iniziare per un breve periodo a raccogliere i primi lavori e clienti, in modo tale da avere un buon punto di partenza e una fonte costante, anche se piccola all’inizio, di nuove entrate.

 

Come web designer o web marketer, bisogna essere bravi a scegliere un mercato di riferimento senza proporsi all’esterno come esperto in qualsiasi cosa. Occorre rivolgersi a una nicchia di persone ben precise.

 

Tre consigli per chi si avvicina oggi a questa professione

  1. Non sentirsi mai arrivati e non avere “la puzza sotto il naso” perché ci sarà sempre qualcuno più bravo di noi da cui possiamo imparare tanto.
  2. Uscire dalle mura del proprio ufficio per stringere mani, conoscere nuove persone per avviare collaborazioni. È importante per farsi conoscere viaggiare in giro per l’Italia partecipando a convegni o eventi dal vivo.
  3. Investire una parte del proprio fatturato annuale in formazione per non perdere il treno e offrire il servizio migliore ai propri clienti a un costo onesto.

 

Cosa consiglierebbe ai suoi colleghi per trovare nuovi clienti?

Dimostrare agli altri di essere un esperto di un mercato specifico.

Direttore responsabile del Settimanale online PugliaNext. Giornalista pubblicista, si occupa di web, graphic design e copywriting.