single.php

PLAYER

ArtShare, La prima piattaforma per investire nell’arte

di  | 

Un articolo di qualche tempo fa sul Sole24Ore poneva un’interessante riflessione sugli investimenti nell’arte e il suo confronto con altre modalità di affari come investire negli immobili o investire nell’oro.

 

ArtShare, La prima piattaforma per investire nell’arte

Ne emergeva che investire nell’arte, per quanto differente, mostrava di superare gli investimenti nel mattone. Tuttavia, per fare degli investimenti e acquistare un’opera servono dei capitali, tenendo conto che l’opera d’arte può far lievitare o meno il suo valore di vendita, ma occorre un capitale di partenza che spesso un solo non si possiede.

 

Con questa intuizione nasce Art Share, una piattaforma di acquisto in condivisione di un’opera d’arte che sostiene le opere e gli artisti tramite quote.

 

Art Share, che vanta tra i suoi fondatori Claudio Poleschi, gallerista con un’esperienza quarantennale nel mondo dell’arte, e Maurizio Fontanini, financial manager, studia un metodo che favorisca i piccoli investitori da un punto di vista legale e fiscale.

 

Le opere sono scelte sulla base dell’esistenza di galleristi e collezionisti a livello mondiale, l’indice di gradimento dell’artista e il grado di rischio del mercato dell’opera di un artista.

 


LEGGI ANCHE: Fai da te creativo, DOOITU supera l’obiettivo di crowdfunding


 

Così nasce la prima piattaforma per gli amanti dell’arte che vogliono e possono investire quote (a partire anche da 100 euro) ed entrando in comproprietà di un’opera d’arte selezionata e valutata da critici che al termine della vendita genera un profitto che verrà elargito, insieme all’investimento iniziale, ai vari comproprietari in base naturalmente alle quote acquistate.

 

Chissà se investire nell’arte diventerà una pratica diffusa come quella delle case.

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale