single.php

MIGLIORA DA QUI

Tecnologie legali e professionisti, se ne discute a Legal Tech Forum 2017

di  | 

Si continua a discutere di tecnologie legali al terzo appuntamento del primo Legal Tech Forum 2017, la prima conferenza italiana dedicata alle tecnologie legali organizzata dalla startup vicentina Kopjra, la startup specializzata in proprietà intellettuale e sponsorizzata da Eustema, Fazland e LEXIA Avvocati è arrivata al suo terzo appuntamento annuale.

Tecnologie legali e professionisti, se ne discute a Legal Tech Forum 2017

Un evento che si conferma e rinnova a ogni edizione per fornire il più aggiornato panorama normativo in materia di TMT (Technology, Media and Telecommunications), IP (Intellectual Property) e Privacy law, contaminando le consolidate esperienze di professionisti in ambito legale e tecnologico. L’edizione di quest’anno si terrà il 23 novembre a Bologna presso i Laboratori delle Arti, situati nella Piazzetta Pier Paolo Pasolini, una cornice storica del tutto nuova rispetto alle precedenti.

Ogni anno Legal Tech Forum individua le principali tendenze del mercato legale, cerca i relatori che con lungimiranza si sono posizionati come protagonisti e li coinvolge in una giornata di formazione rivolta ad avvocati, consulenti tecnici e manager che desiderano anticipare l’adozione di best practice, servizi e prodotti innovativi frutto del fermento imprenditoriale delle realtà che operano nel settore delle tecnologie legali.

Le tendenze di quest’anno sono Artificial Intelligence, Big Data, Blockchain, Cyber Insurance, GDPR, Industry 4.0, IP Protection e Legal Automation. Saranno trattate in pillole di 15 minuti da oltre 20 relatori di alto livello che si susseguiranno durante la giornata, moderati da Arturo Di Corinto. Tra i relatori spiccano gli avvocati di Baker & McKenzie, Gruppo Mediaset, LCA Studio Legale, Osborne Clarke, Simmons & Simmons, Sky Italia e Studio Previti.


LEGGI ANCHE: Tutela della privacy e della reputazione con il diritto all’oblio: In quali casi si può richiedere la cancellazione dal web


La startup ha realizzato una sofisticata piattaforma SaaS (Software as a Service) in grado di tenere traccia dei contenuti protetti e delle eventuali violazioni del copyright sia sul web e deep web che nelle reti peer-to-peer.

 

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale