single.php

NEXT

Proximity Marketing, NearIT: “Lo facciamo in Italia”

di  | 

NearIT è la startup del proximity marketing che da Bergamo sviluppa una soluzione integrabile in qualsiasi app, in pochi minuti e interamente Made in Italy. Dopo il primo round di finanziamento, che ha convinto una realtà consolidata come Innowatio a entrare nel capitale sociale con una quota del 15%, il team della startup del proximity marketing è cresciuto velocemente fino a contare oggi 15 persone.

Proximity Marketing aumenta l’interesse del cliente

È in grado di realizzare campagne di proximity marketing in a snap, permettendo a negozi, musei, centri commerciali, fiere ed eventi, di creare engagement con con i propri clienti, inviare notifiche push o coupon sconto, creare raccolte punti, coinvolgere il pubblico e analizzare l’andamento delle campagne avviate.

NearIT guarda oltre gli strumenti tradizionali di email marketing e presenta soluzioni di “proximity”per ogni tipo di realtà: dai centri commerciali ai musei, agli eventi, coinvolgendo l’utente e utilizzando contenuti personalizzati e lontani dall’insistenza dello spam. Con NearIT, permette la ricezione di messaggi promozionali ad hoc durante la visita al proprio negozio o museo preferito.

Nearit

Proximity Marketing, NearIT realtà italiana che cresce

Con un finanziamento da 1,5 milioni di euro raccolto nell’ultimo anno e un incremento di forza lavoro da 2 a 15 dipendenti, NearIT è oggi tra le realtà hi-tech più interessanti, nata a Bergamo all’interno del Kilometro Rosso va anche il riconoscimento da parte della Startup Competition del Web Marketing Festival (dell’8 e 9 luglio al Palacongressi di Rimini), che ha selezionato NearIT tra le 20 idee più innovative nell’ambito digitale in Italia.

“Dallo sviluppatore, che può integrare il nostro kit di sviluppo software (o SDK) nell’app nativa del cliente (sia essa realizzata per iOS che per Android) in 10 minuti, -dichiara Michel Capitanio, CTO di NearIT– fino all’utente finale che sarà in grado di configurare e creare le proprie campagne di proximity marketing in pochi click”.La tecnologia del proximity marketing offre un’interfaccia web intuitiva, semplice ed efficace per la gestione di contenuti, raggiungendo l’obiettivo di comunicare al momento giusto, ad ogni potenziale consumatore il messaggio più coerente possibile con i suoi interessi.

NearIT si integra con i sistemi di relazione e fidelizzazione del cliente già esistenti, aggiunge valore alle app native già sviluppate, che grazie alla tecnologia beacon potrà inviare messaggi personalizzati in base agli utenti o analizzare i risultati delle campagne di marketing avviate.

Un retailer potrà quindi trasformare in pochi minuti la propria app in un potente strumento di marketing in grado di inviare dei messaggi specifici ai clienti che stanno visitando il negozio, fornendo contenuti informativi o promozionali proprio nei momenti chiave della decisione d’acquisto.

“Nel 2014 eravamo una piccola realtà di 5 persone.” Afferma Luca Locatelli, CEO di NearIT, reduce da un’esperienza all’estero e tornato a investire in Italia. “Oggi le società Gioca, MindTek e BePrime con NearIT compongono un gruppo che conta in totale oltre 50 persone, delle quali 25 assunte solo nel 2015 con un contratto a tempo indeterminato grazie agli incentivi del Jobs Act e un product manager che ha lasciato Londra per tornare a rimboccarsi le maniche qui da noi, convinto dalle prospettive di crescita della piattaforma”.

La prima dimostrazione sul campo, durante il Technology Hub di Milano, ha coinvolto più di 80 espositori a condividere messaggi personalizzati ricevuti via bluetooth dai partecipanti alla fiera al momento del passaggio accanto ad uno degli oltre 80 beacon installati.

Il risultato ha portato nell’arco dei tre giorni dell’esposizione a oltre 300 contenuti creati all’interno della piattaforma, 9.000 interazioni con i beacon da parte di dispositivi android o iOS e più di 1.000 sessioni attive registrate sull’app dell’evento.

“Il nostro prodotto è pronto, in a snap! Mi piace utilizzare questa espressione per esprimere quanto sia semplice e rapida la soluzione che offriamo, -continua Locatelli- vogliamo contribuire a rendere i servizi di proximity uno standard nel rapporto tra i comunicatori e i clienti, del resto non più tardi di due anni fa anche proporre innovazione in Cloud in azienda voleva dire vincere una diffidenza piuttosto diffusa, mentre oggi chi ancora ricorre esclusivamente a data center fisici si trova in netta minoranza”.

 

Dopo gli investimenti in personale NearIT guarda ora verso clienti oltre confine, con l’obiettivo di superare con i fatti la resistenza di chi ancora considera il proximity marketing uno strumento utile, ma dal costo elevato e gravato da lunghe tempistiche per l’integrazione.

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale