single.php

GO

#StartupSurvey: anche la Puglia partecipa alla prima indagine nazionale sulle startup innovative

di  | 

Oltre 5mila startup innovative italiane sono state invitate a partecipare da Istat e dal Ministero dello Sviluppo Economico a #StartupSurvey, la prima indagine nazionale sulle startup innovative. Hanno tempo fino al 27 maggio per compilare il questionario in forma anonima e saranno poi oggetto di un rapporto pubblico.
#StartupSurvey nasce dall’esigenza di rilevare alcuni elementi del mondo startup e le relazioni con i cittadini. I dati relativi alle startup sono liberamente accessibili.

Secondo i dati pubblici e consultabili del Ministero dello Sviluppo Economico, la Puglia conta 234 startup ed è al 10° posto per numero di imprese innovative contro le 1391 presenti in Lombardia.

I dati mettono in luce gli aspetti quantitativi del fenomeno, legati principalmente alle caratteristiche oggettive delle imprese:

  • numero di startup avviate,
  • personale coinvolto,
  • valore della produzione generato,
  • distribuzione geografica e settoriale.

 

L’indagine sulle startup e cittadini

L’indagine punta anche ad aspetti sociologici e culturali che consentiranno di effettuare altre analisi approfondite.
La survey, compilabile online sul portale Istat Imprese, si articola in quattro sezioni tematiche:

  • capitale umano e mobilità sociale: i quesiti riguardano il background lavorativo, di istruzione e familiare di chi fa startup. Informazioni utili per capire il contesto sociale, le competenze professionali e il perché si decide di avviare una nuova impresa innovativa;
  • modalità di finanziamento: i quesiti sono volti a far emergere quali sono le soluzioni adottate dalle startup innovative per far fronte alle loro necessità di approvvigionamento finanziario e quali strumenti ritengono migliori (mercato dell’investimento in capitale di rischio, canale creditizio, forme innovative come l’equity crowdfunding);

Leggi anche: Crowdfunding: ci prova anche l’Università del Salento

  • innovazione: all’imprenditore è richiesto di dare una qualificazione alla tipologia di innovazione (es. di prodotto o di processo, radicale o incrementale) perseguita dalla startup, e quali siano le strategie intraprese per proteggere tale innovazione e portarla sul mercato;
  • conoscenza e soddisfazione sulla policy: l’intento è creare una dinamica partecipativa tra amministrazione e beneficiari, cui viene richiesto di esprimere il proprio livello di conoscenza, interesse e soddisfazione verso le misure offerte e di presentare eventuali proposte di miglioramento.

I risultati anonimi saranno poi oggetto di un rapporto pubblico e utilizzabili da terzi per analisi indipendenti.
Un facsimile della lista dei quesiti  è disponibile sul sito del MISE.

Per contattare i referenti Istat dell’indagine, è possibile chiamare il seguente numero: 06 46736434 (dal lunedì al venerdì, 10.00-12.00); alternativamente, è possibile scrivere all’indirizzo startup@mise.gov.it.

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale