single.php

GO

Italian sounding: Non è perseguibile ma arriva il kit che tutela i consumatori

di  | 

Il termine italian sounding fa riferimento a prodotti agroalimentari che rievocherebbero nel “suono” i tipici prodotti italiani amati e riconosciuti nel mondo ma di origine differente. Stiamo parlando di un cibo non italiano ma che ne sfrutta la popolarità come se lo fosse a scapito dei consumatori inconsapevoli soprattutto all’estero, minando l’export italiano.

Italian sounding: Non è perseguibile ma arriva il kit che tutela i consumatori

Eppure non è perseguibile il fenomeno dell’italian sounding perché non è contraffazione dell’agroalimentare perché i prodotti non italiani che ricordano i nostrani sarebbero delle imitazioni dei prodotti italiani rievocati per i colori, forme e denominazioni geografiche che ricordano l’”italian taste” ma non per questo assimilabili alla contraffazione. Diventa, pertanto, più difficile tutelare i prodotti italiani che non sono DOP, DOP, DOCG e non hanno un marchio registrato. Solo nei casi di violazione del marchio, del logo, copyright e denominazione geografica si assiste a una contraffazione alimentare, così come spiegato da Federalimentare.

 

Per aumentare la consapevolezza dei consumatori sotto la Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione-Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (DGLC-UIBM) del Ministero dello Sviluppo Economico nasce il kit anticontraffazione per aiutare a scegliere alimenti originali per provenienza, sicurezza, tracciabilità, salute e gusto e tutelare il Made in Italy.


LEGGI ANCHE: ExportUSA: aumentano i prodotti pugliesi sulle tavole degli americani


Il kit anticontraffazione, costituito da un vademecum alimentare, si presenta come una guida con schede dettagliate che riguardano le etichette e le informazioni utili, un video che spiega come scegliere in sicurezza i prodotti evitando errori e una guida dedicata alle PMI che operano nell’agroalimentare per tutelarne la proprietà intellettuale.

Tutelare il Made in italy e l’intenzionalità di acquisto dei consumatori

Perché questa sensibilizzazione alla tutela e all’acquisto che rispecchi l’intenzionalità del consumatore sia rispettata è nato anche un Osservatorio Permanente sull’italian sounding per monitare un fenomeno che, pur essendo non perseguibile, arrecherebbe un danno all’economia italiana.


LEGGI ANCHE: La produzione della pasta artigianale pugliese conquista l’estero


 

Una battuta d’arresto per il food Made in Italy tanto amato nel mondo che vede sotto assedio la mozzarella, il pomodoro pelato, l’olio, la pasta, il vino e tutti quei prodotti che “ad orecchio” ricordano l’Italia. Si stima una perdita economica causata, da una parte, dalla contraffazione agroalimentare vera e propria e, dall’altra, dall’italian sounding che supererebbe persino la vera e propria esportazione all’estero.

Direttore responsabile del Settimanale online PugliaNext. Giornalista pubblicista, si occupa di web, graphic design e copywriting.