single.php

GO

L’innovazione digitale della Puglia al Maker Faire Rome 2017

di  | 

Farà il suo ingresso al Maker Faire Rome 2017 dal 1 al 3 dicembre anche l’innovazione digitale della Puglia. Diverse proposte in esposizione ai padiglioni dell’evento più importante dedicato ai maker, innovatori per far conoscere le proprie scoperte e testare i prototipi studiati. Maker Faire Rome – The European Edition 4.0 è un evento di vera rivoluzione industriale, rivoluzione tecnologica, scientifica e anche fantascientifica. Uno show tra divertimento e business a cui parteciperanno anche le scuole (Call for School) studenti universitari (Call for Univesities and Research Institutes) e progetti innovativi e creativi (Call for Makers).

L’innovazione digitale della Puglia al Maker Faire Rome 2017

Anche dalla Puglia parteciperanno diversi progetti in esposizione all’evento Maker Faire Rome 2017, tra questi studenti, universitari e artigiani innovativi con diverse ideazioni dal benessere e salute, educazione, cibo e agricoltura, robotica, elettronica per raccontare un miglioramento nella società attraverso la rivoluzione tecnologica.


LEGGI ANCHE: Il primo laureato al mondo in Ingegneria bionica è pugliese e resterà in Italia


Si respira aria di disrputive technology in Puglia con i progetti che parteciperanno dal 1 al 3 dicembre al Maker Faire 2017:

 

 

  • Musa, Mouth Ultimate Sound Adapter, l’idea di Francesco Lomascolo con l’Associazione AccordiAbili è una semplice cannuccia per alimenti come leva di comando per permettere a chi ha difficoltà motorie di suonare uno strumento musicale sintetizzato;

 

  • Istituto Agherbino di Putignano, I ragazzi della 5 H sono pronti a mostrare il funzionamento di No Touch, uno strumento di sensori a ultrasuoni collegato ad Arduino che emette le note solo con il movimento della mano, senza essere toccato dal musicista;

 

  • Adam’s Hand che aveva già partecipato a Heroes meet in Maratea con una protesi mioelettrica con un sistema innovativo di patent pending che consente di attivare le dita protesiche con un solo motore;

 

  • Intellihearts, una piattaforma di visualizzazione in tempo reale dei battiti cardiaci che misura elettrocardiogramma, frequenza cardiaca e ossigenazione del cuore attraverso avanzati algoritmi di machine learning e deep learning. È l’idea degli informatici e Vincenzo Dentamaro, Paolo Rotolo, Anna Labellarte e del designer e imprenditore Umberto Cataldo De Pace, un braccialetto orologio che monitora la qualità della vita;

 

  • Heretix Technology dell’ingegnere salentino Luca Borgia che ha sviluppato sistemi tecnologici settore lighting con punti luce controllabilie in Wifi per scenografie architettoniche complesse;

 

  • Plants Play è dispositivo wearable che permette di ascoltare il suono e la musica prodotta da piante e alberi posizionando due elettrodi sulle foglie, le cui variazioni saranno convertite in note musicali;

 

  • Tin Tin Orto House nasce a Gravina in Puglia ed è una costruzione modulare in legno, un orto verticale ma anche uno spazio relax per chi vuole vivere l’intimità e il relax del verde in città;

 

  • Waybration è un sistema di supporto alla navigazione per atleti non vedenti, un software che gestisce il percorso su pc o smartphone e filtra il segnale e la comunicazione radio con le cavigliere che attraverso una vibrazione comunicano all’atleta la direzione;

 

  • Psykoboard, lo skate elettrico realizzato a Taranto da due appassionati di skate world, Christian Gentile e Fabio D’Aniello (rispettivamente CEO e CTO) con sistema AUTOCLAVE (lavorazione usata dall’aeronautica) e prestazioni di accelerazione in salita ottimale telecomandata a due modalità nel rispetto di un’economia sostenibile a zero impatto;

 

  • Montessori 3D, nasce dalla volontà di Iliana Morelli, fondatrice di Boboto, di riproporre l’insegnamento montessoriano attraverso la stampa 3D, il taglio laser e le tecnologie come la realtà aumentata e un visore economico che riprodurrebbero i materiali come se realemte fisicamente presenti per stimolare con tecnologia leap motion l’apprendimento attraverso la manipolazione


Si conferma il Maker Faire un evento non solo per geek, ma anche per i più piccoli per interpretare i cambiamenti e dare, in anteprima, uno sguardo al futuro e alle possibili evoluzioni del futuro tecnologico e digitale. E quest’anno ci saranno diversi progetti pugliesi in esposizioni che cercheranno di anticipare il futuro.

Direttore responsabile del Settimanale online PugliaNext. Giornalista, si occupa di web, graphic design e copywriting.