single.php

GO

European Maker Week Bari 2016, Impact Hub e le realtà hi-tech insieme per l’innovazione

di  | 

Una stampante 3d, una piramide olografica, un oculus, un drawbot e un drinkino (un apparecchio che prepara bevande in modo completamente automatizzato) saranno i protagonisti dell’European Maker Week Bari 2016. Se volete vederli e capire come funzionano, potete farlo dal 1 al 5 Giugno al Puglia Design Store presso lo Spazio Murat ospiterà la Maker Week di Bari ogni giorno dalle 10 alle 18. L’evento, organizzato da Impact Hub Bari con la collaborazione delle principali associazioni e imprese attive nel settore tecnologico, apre le porte all’esposizione dei prototipitalks tematici, completamente gratuito e a numero chiuso, che in solo due giorni hanno superato il numero minimo dei sessanta partecipanti previsti.

European Maker Week Bari 2016

Per la prima volta tutte le numerose realtà hi-tech della provincia di Bari assieme per l’edizione 2016 dell’European Maker Week Bari: Alumni Mathematica, Apulia Makers 3D, Make Sustainable Organization, Barimakers, Coder Dojo Molfetta, Free Software Fundation Europe, La Scuola Open Source, Smart Lab, StarworkGC, The Hub Bari, Volo Creativo.

Tutte assieme nel più vasto programma della European Maker Week, il più grande evento maker diffuso, organizzato dalla Commissione Europea, da StartUp Europe e da Maker Faire Rome per diffondere la cultura maker e la conoscenza del movimento in ambito europeo.

Il Programma di European Maker Week Bari 2016

1 giugno – Il design che cambia

  • Il design che cambia le cose
  • Il design, com’è cambiato
  • l design delle cose che cambiano

Alessandro Tartaglia, La Scuola Open Source 1 giugno h 19.00

1 giugno – La stampa 3d professionale

  • Applicazioni, tecnologie di stampa e materiali

Aldo Pisanello SMARTLAB INDUSTRIE 3D – h 19.30
Giuseppe Buonamassa e Ilaria Gucciardini Apulia Makers 3D

 

2 giugno – Expand your vision: l’arte del coding

  • Nuovi strumenti della programmazione che stanno ampliando le possibilità espressive, tecniche ed emozionali del design contemporaneo

Giovanni Nuzzi e Teresa Moramarco, Addictive Design Studio   h 19.00

 

3 giugno – Stampa 3d e antropologia

  • Scansione 3D e stampa 3D per ricostruzioni di sembianze umane

Aldo Pisanello, SMARTLAB INDUSTRIE 3D – h 19.30
Prof. Sublimi, Università degli Studi di Bari

 

3 giugno – Beni digitali

  • Tecniche di Fabbricazione Digitale applicate ai Beni Culturali

Giuseppe Buonamassa, Apulia Makers 3D – h 20.00

 

3 giugno – (Open) Data Hacking

  • I dati sono ovunque e oltre l’80% dell’informazione in rete è presente in forma non strutturata. Una fonte di conoscenza di inestimabile valore che potrebbe essere resa fruibile in formato aperto.

Pierpaolo Basile, Alumni Mathematica – h 19.00

 

3 giugno – Agile – Per una cultura aziendale condivisa

  • Le metodologie agili stanno prendendo piede anche in Italia nell’ambito dello sviluppo del software e prevedono che all’interno del team di lavoro si crei una cultura condivisa che faciliti lo scambio di informazioni e consenta di agire in modo repentino ai cambiamenti
    dettati dal mercato

Giancarlo Valente, Club degli Sviluppatori -h 19.30

 

4 giugno – A scuola si cambia

  • La rivoluzione maker arriva a scuola per dar vita tra banchi e libri a nuovi progetti di cooperazione, buone pratiche ed innovazione sociale

Graziana Cito, Volo Creativo – h 19.00

 

4 giugno – Indie Game Dev: does & doesn’t abstract

  • Tutte le pratiche (buone e non) per realizzare videogiochi di successo

Francesco di Carlo, Alumni Mathematica – h 19.30

 

4 giugno – InTrainet of Things – An IoT proof of concept

  • Un semplice scenario applicativo per capire le potenzialità delle tecnologie IoT (demo included)

Marco Pennelli, TechnoSec – h 20.00

 

5 giugno – Educazione Open Source

  • Crediamo che l’innovazione tecnologica e sociale debbano partire dalla condivisione della conoscenza, per questo abbiamo pensato ad un modello di didattica e ricerca replicabile, basato sui principi dell’open source

Lucilla Fiorentino, La Scuola Open Source – h 19.00

 

5 giugno – Node-Red: Un approccio visuale all’IoT

  • In un’era in cui c’è abbondanza di dati e un crescente ecosistema di servizi in grado di analizzarli, trasformarli e visualizzarli, NodeRed si colloca perfettamente come orchestratore visuale che riduce la barriera di ingresso a questo mondo

Antonio Viesti, Club degli Sviluppatori – h 19.30

 

5 giugno – Lo zen e l’arte dello sviluppo FOSS

  • Un percorso ragionato in relazione al software free e open source, le community e l’economia dello stesso, visti a distanza di più di trent’anni dalla nascita del manifesto GNU e l’inizio della battaglia di Richard Stallman per la liberazione del software

Francesco Paolo Lovergine, FSFE – h 20.00

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale