single.php

GO

Fattura elettronica: Come funziona

di  | 

Dal 1 gennaio 2019 diventa obbligatoria l’emissione delle fatture elettroniche per le imprese e le partite IVA per la gestione dei rapporti commerciali B2B e B2C.

 

Sono esonerati dalle E-fatture coloro che rientrano nei regimi dei minimi e forfettari e coloro che rientrano nella cessione di beni, prestazione di servizi verso i non residenti dell’UE.

Nonostante queste categorie vengano esonerate dall’emissione della fattura elettronica dovranno adoperarsi comunque per attrezzarsi per la ricezione delle fatture.

Come funziona la fattura elettronica?

È più facile a farsi che a dirsi perché la trafila per la compilazione necessità di un software per la registrazione della fattura elettronica con un formato XML che non richiede competenze di coding. Ma vale la pena sottolineare che il formato XML è obbligatorio per riconoscere come corretta la fattura. Qualsiasi fattura che non sarà in XML sarà considerata come non emessa.

 

Prima della fatturazione elettronica si inviava la fattura tramite mail, per posta o a mano una copia cartacea al cliente finale che doveva conservarla per almeno 10 anni.

 

Oggi con la fatturazione elettronica attraverso un software si può gestire in modo più veloce i pagamenti, dalla compilazione alla conservazione delle e-fatture in modo digitale o affidando il compito a un responsabile per la conservazione sostitutiva. Dopo la compilazione si appone una firma digitale e si invia al Sistema di interscambio.

 

Chi emette la fattura dovrà inviarla al Sistema di Interscambio (SdI) gestito dall’Agenzia delle Entrate che fungerà da tramite, ovvero effettuerà un controllo tecnico sul file e solo dopo lo invierà al cliente privato o alla PA, in base al destinatario.

 

In pratica il Sistema di Interscambio controlla che la fattura elettronica sia corretta rilasciando una ricevuta di consegna


LEGGI ANCHE: Freelance: quello che devi sapere prima di aprire la Partita IVA


Fatture elettroniche B2B e B2C

Per le fatture alla PA e clienti caratterizzati con un codice identificativo di interscambio, l’invio resta pressoché simile tranne che per i consumatori privati che potranno richiedere una stampa o un PDF.

 

I vantaggi della fatturazione elettronica

I vantaggi della fatturazione elettronica rientrano sicuramente nella velocità di consultazione, una quasi totale eliminazione dei costi di stampa e soprattutto non c’è rischio di perderla.

Non sono esenti gli errori e sarebbe opportuno prestare attenzione alla ricevuta o notifica di avvenuta consegna esatta del SdI.

Rivista settimanale online di business e marketing. Raccontiamo le storie e le interviste di chi ce l'ha fatta, curiosità e consigli pratici per iniziare e migliorare la tua attività professionale